Concetto, caratteristiche, tipi ed esempi

Attualmente c’è un’elevata competitività di prodotti e servizi, che vengono gestiti nel vasto mondo del marketing, per questo è di vitale importanza prestare attenzione a tutte le richieste che il mercato manifesta, avvalendosi di tecniche e strumenti per conoscere il mercato , al fine di garantire il successo delle aziende.

Qual è il mercato?

Il mercato può essere definito come il luogo in cui ci sono acquirenti e venditori di beni e servizi, dove nasce uno stretto rapporto commerciale finalizzato allo scambio di transazioni commerciali. I primi mercati della storia sono gestiti attraverso il baratto e con il passare del tempo è nata la moneta fisica, che ha dato inizio alla creazione di codici commerciali che sono stati la chiave per la creazione di aziende nazionali ed internazionali.

storia del mercato

Il mercato ebbe origine tra i primi popoli e tribù che furono creati sulla terra. Da quel momento l’uomo iniziò a soddisfare i suoi bisogni più prioritari attraverso la creazione del commercio. Man mano che queste città crescevano, il mercato andava a gonfie vele, diventando oggi uno strumento economico di grande importanza per il progresso dell’umanità. L’origine del commercio nasce a causa dei diversi ostacoli che le persone dovevano attraversare in quel momento a causa della differenza di clima, geografia, ubicazione degli uomini produttori, era molto difficile poter fornire i prodotti ai consumatori. In questo modo, con l’origine del commercio attraverso leggi e regole, questi ostacoli sono stati superati e nel tempo i consumatori hanno potuto ottenere i loro prodotti tramite il commerciante che si occupava di sviluppare questa attività per ottenere profitti per il lavoro che aveva svolto. . Attualmente, il mercato dell’industria è uno dei mercati più importanti, dal momento che ogni giorno crea più fonti di produzione e marketing in varie regioni del mondo, creando così rapporti commerciali per soddisfare le esigenze delle persone.

caratteristiche del mercato

Fin dalle origini del mercato, esso è sempre stato caratterizzato dall’essere composto da acquirenti e venditori che sono i rappresentanti della domanda e dell’offerta, per svolgere rapporti commerciali di transazioni di prodotti o merci. In questo senso, i prezzi di questi prodotti iniziano a unificarsi a causa della concorrenza con altri mercati in cui si stabiliscono domanda e offerta. Per questo, il mercato ha alcune caratteristiche che sono le seguenti:

  • Offerta: L’offerta consiste nella quantità di prodotti o merci che esistono e che possono essere acquistati, in un determinato momento.
  • Domanda: Nel caso di questioni finanziarie, la domanda è intesa come la quantità di prodotti, beni o servizi che i consumatori sono disposti ad acquistare.
  • Intermediari: In questi tempi più moderni sorge ogni giorno la necessità di intermediari, poiché attraverso di essi il prodotto, bene o servizio può raggiungere direttamente il consumatore.

mercato
Questi intermediari possono essere trasporto, stoccaggio, refrigerazione, tra gli altri, che favoriscono l’aumento dei prezzi dei prodotti, generando un fenomeno chiamato valore aggiunto.

  • Marketing: Attualmente è molto comune utilizzare il marketing, poiché questo genera una serie di metodi e pratiche per aumentare gli scambi.

Il marketing può essere utilizzato sia per introdurre nuovi prodotti e servizi per migliorare il mercato che per l’uso di propaganda o pubblicità per pubblicizzare e convincere il consumatore ad acquistare un determinato prodotto.

  • Monopoli e oligopoli: È quando le persone o le aziende hanno il dominio assoluto del mercato con prodotti o servizi diversi. In tal modo non si realizzerebbe una libertà di consumo o di offerta implicita nella legge della domanda e dell’offerta.
  • Mercato reale: si riferisce a quando i consumatori vogliono acquistare un prodotto o servizio e lo acquistano effettivamente grazie al loro potere d’acquisto.
  • Mercato disponibile: si riferisce a quando il consumatore desidera acquistare un prodotto e pur avendo il potere d’acquisto per farlo, finisce per acquistare un altro prodotto simile.

tipi di mercati

I mercati possono essere classificati in base al tipo di variabile che viene applicata per definire le diverse tipologie di mercato. Per questo abbiamo quanto segue:

Tipi di mercato in base al prodotto

Facendo riferimento al prodotto in cui si realizza la domanda e l’offerta, abbiamo le seguenti tipologie:

  • Mercati dei prodotti di consumo: Questo tipo di mercato si riferisce al fatto che il prodotto che si acquista soddisfa l’esigenza di coprire il consumo, ma una volta soddisfatta questa esigenza il prodotto stesso scompare.

Un esempio di questo può essere stabilito con qualche alimento o bevanda, con una bottiglia d’acqua che serve a soddisfare il bisogno di sete, ma una volta soddisfatto questo bisogno scompare del tutto.

  • Mercati di utilizzo del prodotto: nel caso dei mercati dei prodotti d’uso, si riferisce al fatto che una volta che il prodotto viene acquistato per soddisfare un’esigenza e viene utilizzato, il prodotto non scompare dopo essere stato utilizzato, ma rimane.

Un esempio di questo possiamo acquistare un telefono cellulare che è un prodotto durevole o un notebook che non è così durevole.

  • Mercato dei prodotti industriali: sono tutti quei prodotti che servono come materia prima per produrre un bene. Ad esempio, l’acciaio, che è una materia prima utilizzata per la produzione di automobili.
  • Mercato dei servizi: si tratta della commercializzazione di servizi e non di prodotti in quanto il consumatore non può acquisire la proprietà del bene. Ad esempio quando si utilizza il servizio elettrico o idrico.
  • Mercati finanziari: i mercati finanziari si riferiscono allo scambio di attività tra diversi agenti economici, il cui accordo definisce i prezzi delle attività. Un esempio di questo possiamo definire coloro che fanno parte del mercato finanziario forex.

Tipi di mercato basati sugli acquirenti

Secondo gli acquirenti sul mercato, i tipi sono i seguenti:

  • Mercato degli acquirenti industriali: Il mercato dei buyer industriali è costituito da tutte quelle aziende che acquistano materiali per la loro produzione.

Ad esempio, un’azienda acquista plastica per produrre contenitori per prodotti per la pulizia, contenitori per riporre gli alimenti, tra gli altri.

  • Mercato di consumo: mercato di consumo è tutto ciò in cui gli acquirenti acquistano un servizio o ne fanno uso. Cioè, sono i consumatori di quei prodotti. Ad esempio quando si acquista un chilo di carne per soddisfare la fame o quando si acquista un paio di scarpe per camminare.
  • Mercato dei rivenditori: sono tutte quelle aziende che acquistano prodotti per rivenderli a un prezzo più alto, per trarne profitto. Un esempio di questi sono quei negozi di abbigliamento che acquistano dalle industrie tessili per rivenderli ai propri clienti o consumatori.

mercato

Tipi di mercati basati sulla concorrenza

I tipi di mercati basati sulla concorrenza sono i seguenti:

  • Mercato concorrenziale perfetto: Questo tipo di mercato è caratterizzato dall’avere molti concorrenti e all’interno di questo mercato nessuno sarà in grado di fissare i prezzi, cioè tutti i prodotti sono uguali.

Ad esempio, un supermercato che offre ottimi prodotti a basso costo sarà la concorrenza di un altro supermercato che offre le stesse condizioni.

  • Mercato della concorrenza imperfetto: nel caso di concorrenza imperfetta si riferisce a diverse situazioni, può essere che ci sia uno scenario di concorrenza perfetta oppure no.

Un esempio di ciò è che un’azienda calzaturiera può avere concorrenza con un’altra azienda calzaturiera o può essere che sia l’unica in città e quindi non abbia concorrenza.

Tipologie di mercato in base all’area geografica coperta

A seconda dell’area geografica in cui si sviluppa il mercato, le tipologie possono essere le seguenti:

  • Mercato locale: si riferisce a un mercato che opera solo in un piccolo spazio come una città o un paese. Un esempio di questo possiamo dire di una macelleria che effettua il servizio solo in questa città.
  • Mercato regionale: per questo tipo di mercato ci si può riferire in due modi, il mercato può coprire una piccola regione del Paese o, al contrario, coprire l’area centrale di più Paesi. Ad esempio, una catena di supermercati ha diverse filiali nella regione centroamericana.
  • Mercato nazionale: Il mercato nazionale, come indica il nome, è caratterizzato da copre un intero paese, comprese città e province. Ad esempio una catena di supermercati che opera su tutto il territorio nazionale.
  • Mercato internazionale: si tratta di un insieme di buyer dislocati in diversi paesi che generalmente vengono gestiti tramite società multinazionali. Ad esempio, una catena di elettrodomestici che si trova in diversi paesi internazionali.
  • Mercato globale: si riferisce al mercato che si estende a tutti i paesi del mondo, ovvero tutti i prodotti, beni o servizi sono disponibili in qualsiasi paese del mondo. Ad esempio una marca di un farmaco comune come l’ibuprofene.

Dejar un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.